Cerca
Close this search box.

Perdita di capelli: cause, libri per informazioni mediche, trattamenti e farmaci

trapianto di capelli
Indice dei contenuti
    Add a header to begin generating the table of contents

    Una delle problematiche più comuni è la perdita di capelli, specie negli uomini, i quali col passare del tempo si ritrovano gradualmente parzialmente o completamente calvi. Ciò rappresenta una difficoltà in termini di accettazione del sé, poiché psicologicamente alcuni individui non riescono a guardarsi allo specchio senza i capelli, e perciò perdono autostima e sicurezza.

    Fortunatamente, al giorno d’oggi è possibile ottenere numerose informazioni mediche, sia sulle cause che sui trattamenti tramite farmaci oppure attraverso una delle principali tecniche di operazione chirurgica. A tal proposito, cosa c’è da sapere a riguardo?

    Di seguito l’approfondimento.

    Perdita di capelli: quali sono le cause?

    Prima di esaminare le cause che comportano la perdita di capelli, è opportuno segnalare ai lettori che gli esseri umani in quanto mammiferi cambiano periodicamente il pelo, proprio come qualunque altro animale appartenente a questa grande famiglia. Dunque, i capelli tendono a cadere periodicamente, ed è un fenomeno naturale incontrastabile, per cui non c’è bisogno di preoccuparsi. Al di fuori di questo contesto, qualora i capelli dovessero cadere in quantità allarmanti, le cause potrebbero essere diverse.

    Ad esempio, l’alopecia androgenetica o calvizie – la forma più comune tra gli uomini – è legata ad una questione meramente genetica e non si può prevenire in alcun modo. L’alopecia cicatriziale è una forma ben specifica che si presenta a seguito di un trauma fisico per cui il tessuto cicatrizzato prende il sopravvento sui follicoli piliferi del cuoio capelluto, mentre l’alopecia telogen effluvium si presenta in seguito ad un trauma psicologico oppure durante un periodo di forte stress o in un momento di squilibrio ormonale. Anche l’alopecia areata è riconducibile perlopiù ad un trauma fisico, per cui si vengono a creare delle macchie vistose dove sono completamente assenti i capelli; ad esempio, potrebbe incidere una forma aggressiva di dermatite.

    Proseguendo, l’alopecia da trazione è causata dal portare per troppo tempo un’acconciatura per cui i capelli vengono letteralmente tirati e messi in tensione, indebolendo così i follicoli piliferi. Infine, la forma più devastante in termini di perdita di capelli è senza dubbio l’alopecia totale o universale, ovvero quando non ci sono più follicoli piliferi sani, oppure quando non si hanno più peli in nessuna zona del corpo. In aggiunta, è doveroso specificare che i capelli possono indebolirsi e cadere anche se si attorcigliano continuamente, se si stressano esponendoli ad una fonte eccessiva di calore (phon; piastra) e soprattutto se non si segue una dieta regolare.

    Perdita di capelli: i migliori libri per informazioni mediche

    Siccome si vive oggi nell’epoca dell’informazione digitale, ciò non esclude la concreta possibilità di ricevere preziosi ragguagli direttamente da libri dedicati alla medicina. Ne esistono vari incentrati proprio sulla perdita dei capelli e sui trattamenti medici, fornendo ai professionisti che lavorano in quest’ambito dei consigli di livello.

    Da questo punto di vista, si suggerisce Hair Transplant 360 for Assistants, manuale diviso in due volumi curati da Emina Karamovski Vance, dal Lam Institute for Hair Restoration a Plano, Texas. Il primo volume è diviso in due parti: 1. Core 360, dove vengono fornite informazioni mediche sull’anatomia dei capelli, la calvizie maschile e femminile, le soluzioni non chirurgiche e i cicli di crescita; 2. More 360, dedicata alla formazione degli assistenti per ciò che concerne l’assistenza ai pazienti durante e post operazione, sia a breve che a lungo termine. Nel secondo volume ci sono foto e infografiche utili a comprendere la preparazione chirurgica ad un trapianto di capelli, la gestione, la manipolazione e il posizionamento degli innesti dei follicoli piliferi sani.

    Tuttavia, se si vuole approfondire ulteriormente la tecnica operativa step by step, si può fare riferimento al manuale Hair Transplant 360 for Physicians, anch’esso diviso in due volumi, entrambi curati da Samuel M. Lam, direttore del Lam Institute for Hair Restoration a Plano, Texas. All’interno di questo libro c’è un DVD aggiuntivo utile ad osservare la progettazione della linea frontale, il prelievo e l’innesto.

    Per saperne di più sul trapianto di capelli, si consiglia di leggere Hair Transplant 360: Advances, Techniques, Business Development, and Global Perspectives, manuale ancora una volta a cura di Samuel M. Lam, dove si parla prettamente di innovative tecniche le quali non risultano invasive e includono l’innesto di follicoli piliferi resistenti alla calvizie per genetica. Si tratta di un approfondimento medico e tecnologico professionale, suddiviso in 80 capitoli, per cui la lettura appare oggi un passo fondamentale per chi lavora in quest’ambito.

    Infine, si potrebbe dare uno sguardo anche ai volumi del libro Hair Transplant 360: Follicular Unit Extraction, di Samuel M Lam e Kenneth L Williams Jr, così da affrontare le controversie relative alla tecnica del trapianto di capelli in questione, venendo a conoscenza dei suoi incredibili benefici.

    Trapianto di capelli: in cosa consiste l’operazione chirurgica?

    Il trattamento medico per eccellenza alla perdita di capelli è il trapianto di follicoli piliferi sani, i quali vengono individuati in altre zone del corpo (come il petto) o in altre aree del cuoio capelluto (la regione occipitale). I professionisti di questo settore progettano attentamente il da farsi, e si assicurano di scegliere i follicoli piliferi più resistenti, geneticamente parlando, alla calvizie, così da procedere con la loro rimozione e successivo innesto nella zona diradata. Si specifica che ci sono delle tecniche principali da adottare quando ci si approccia a questa tipologia di operazione chirurgica: ma di quali si tratta?

    Tecniche di trapianto di capelli: ecco quali sono le più conosciute

    Le tecniche di trapianto di capelli più conosciute, le quali vengono studiate e applicate dai medici più importanti al mondo, sono l’Implementazione Diretta di Capelli (DHI) e la già citata Estrazione delle Unità Follicolari (FUE).

    La prima è una metodologia completamente naturale, sicura e minimamente invasiva, in quanto consiste nell’estrarre i singoli follicoli piliferi dalla zona donatrice per poi procedere con il trapianto graduale nell’area interessata. Ciò avviene tramite un pennino chiamato “DHI pen”, strumento con cui gli operatori riescono a gestire al meglio l’angolazione, la profondità e la direzione di ciascun follicolo pilifero, garantendo ai pazienti un risultato di una precisione senza pari.

    La seconda tecnica, ossia la FUE, prevede il trasporto tramite bisturi di una quantità ridotta di bulbi piliferi (da 1 a 4 per bisturi), così da evitare ferite, dolore e di conseguenza cicatrici. A prescindere da quale delle due tecniche venga applicata in un’operazione chirurgica, il risultato è gratificante: la densità dei capelli aumenta a vista d’occhio, e i follicoli sopravvivono in quanto non vengono esposti all’aria durante il trasporto. Se ci si sta chiedendo dove potersi sottoporre ad un trapianto di capelli, il suggerimento è di optare per l’Albania in quanto è una destinazione economica e in costante crescita, per cui il costo complessivo si aggira attorno ai 1.00, mentre in Italia si parla di cifre che variano dai 3.000 agli 8.000 euro. In alternativa, anche Istanbul è rinomata per il trapianto di capelli in Europa.

    I farmaci per contrastare la perdita di capelli

    I due farmaci che per eccellenza vengono impiegati per contrastare la perdita di capelli sono il Finasteride e il Minoxidil. Il primo è venduto senza ricetta medica negli Stati Uniti, anche se in Germania per esempio viene richiesta, mentre il secondo è regolarmente in vendita su Amazon e nelle farmacie. Si specifica che su entrambi questi prodotti medici sono state condotte delle ricerche ad hoc per studiarne le proprietà, i benefici relativi alla perdita di capelli così come gli effetti collaterali, i quali variano a seconda del genere: si presentano diverse forme di effetti collaterali negli uomini rispetto alle donne. Ne consegue che il Finasteride può essere assunto in forma orale, ma potrebbe causare la disfunzione erettile e potrebbe compromettere la fertilità maschile; il Minoxidil va applicato sulla pelle, ma può scaturire depressione, aumento di peso, irritazioni cutanee, problemi nella riproduzione sessuale e così via.

    Questa lettura è stata utile? Condividila!

    Staff Simedica.TV

    Articoli
    Staff Simedica.TV

    disfagia neurologica
    Disfagia Neurologica

    La disfagia neurologica è un nome medico che indica una difficoltà ad

    andropausa uomini
    Andropausa Uomini

    L’andropausa uomini è una condizione associata alla diminuzione di un ormone chiamato