Cerca
Close this search box.

Frattura del metacarpo

frattura del metacarpo
Indice dei contenuti
    Add a header to begin generating the table of contents

    La frattura del metacarpo è una delle fratture ossee più comuni.

    Il dolore e le limitazioni del movimento possono essere molto fastidiose. Infatti non poter usare la mano può sicuramente crearti un disagio. Sia in ambito lavorativo che per la tua vita sociale.

    In ogni caso il consiglio che vogliamo darti è quello di tenere a riposo il dito rotto e non affrettare la guarigione.

    Se il tuo metacarpo è rotto, cerca di non forzare il movimento perché potresti peggiorare la rottura dell’osso e andare incontro ad altre complicanze.

    Solitamente, a causa della sua posizione più esposta, è più facile subire la frattura del quinto metacarpo. Quando parliamo di 5 metacarpo ci stiamo riferendo al mignolo.

    Frattura Metacarpo: di cosa si tratta?

    Una frattura del metacarpo, o frattura metacarpale, è la rottura di un osso della mano. Infatti i metacarpi sono ossa della mano che collegano le ossa delle dita (falangi) a quelle del polso (dette anche ossa carpali)

    La frattura al metacarpo è una lesione abbastanza comune. Viene anche definita frattura del pugile, perché spesso viene subita da questi sportivi.

    In genere, l’intervento chirurgico non è sempre la soluzione da adottare. Infatti, nella maggior parte delle ipotesi, basterà bloccare il dito con una stecca o un gesso. Questo per evitare di muoverlo mentre l’osso guarisce.

    È sempre utile attenersi al protocollo RICE (Rest, Ice, Compression, Elevation).

    Nel caso invece di frattura scomposta metacarpo, è invece necessario l’intervento chirurgico per ripristinare la situazione.

    Cosa sono le ossa metacarpali

    ossa mano metacarpali

    Prima di vedere i sintomi di una frattura del metacarpo è bene fare una premessa. Vediamo anatomicamente, cosa sono le ossa metacarpali e dove si trova l’osso metacarpo.

    Entrambe le mani hanno 5 ossa metacarpali che collegano le dita al polso. Le ossa del polso sono definite carpali. Partendo dal pollice e arrivando fino al mignolo sono catalogate come:

    • primo metacarpo (pollice)
    • secondo metacarpo (indice)
    • terzo metacarpo (medio)
    • quarto metacarpo (anulare)
    • quinto metacarpo (mignolo)

    Come detto in precedenza la frattura del 5 metacarpo è quella più comune. La frattura terzo metacarpo e la frattura 4 metacarpo sono invece più rare. Infine la rottura del metacarpo del pollice e del secondo metacarpo sono più probabili di quelle precedenti, ma meno frequenti rispetto al mignolo.

    Frattura Metacarpo Sintomi

    Metacarpo rotto sintomi. Ecco una lista dei segni e sintomi che potresti sperimentare se hai subito la frattura del metacarpo:

    • dolore
    • gonfiore
    • ematoma
    • limitazioni al movimento del dito
    • lividi
    • deformità o protuberanze

    In caso di frattura metacarpale, esiste la possibilità che venga danneggiato anche il tessuto intorno all’osso. Ad esempio quello dei:

    • tendini
    • legamenti
    • muscoli

    Perché si rompe il metacarpo

    Tra le cause più comuni di frattura del metacarpo sono incluse:

    • cadute
    • incidenti stradali
    • infortuni sul lavoro
    • traumi sportivi (infatti si parla di frattura del pugile)
    • colpi accidentali

    Inoltre tra i fattori di rischio di subire una rottura del metacarpo c’è anche l’osteoporosi.

    Frattura del metacarpo e osteoporosi

    Le probabilità di avere un metacarpo rotto, aumentano nelle persone che soffrono di osteoporosi. Questa patologia infatti indebolisce le ossa e rende più facili le fratture.

    Molte volte, le persone non sanno di avere osteoporosi, fintanto che non subiscono una frattura ossea. Le donne e le persone di età superiore ai 50 anni hanno più possibilità di soffrire di osteoporosi.

    Per questo motivo, ricordati di eseguire screening costanti con il tuo Medico di fiducia. Leggi questo nostro articolo se vuoi approfondire il tema della Prevenzione Primaria.

    Come diagnosticare la frattura metacarpale

    Per diagnosticare la frattura del metacarpo il tuo Medico procederà con l’esame obiettivo per verificare i sintomi e chiederà un test di imaging. Il Dottore sicuramente sarà in grado di capire se hai il metacarpo rotto o fratturaro ma sarà necessario comunque un test diagnostico per immagini per confermare la diagnosi e capire il tipo di frattura.

    Tra i test più comuni che servono per diagnosticare una frattura metacarpo mano abbiamo:

    • radiografia
    • tac

    Metacarpo frattura: quali sono i tipi

    Ci sono diversi tipi di frattura del metacarpo della mano. Possono cambiare a seconda di quale osso si è rotto, come si è rotto e quale forma ha la frattura. Convenzionalmente possiamo avere fratture:

    • a spirale
    • trasversali
    • oblique
    • segmentali
    • comminute
    • scomposte
    • composte
    • da stress
    • microfratture
    • da avulsione

    La differenza tra una frattura esposta e una chiusa è che nella prima l’osso si rompe del tutto attraverso la pelle. Questo tipo di fratture del metacarpo hanno tempi di guarigione molto più lunghi.

    Frattura del pugile

    Come detto in precedenza la frattura metacarpo può anche essere chiamata frattura del pugile. In particolare ci riferiamo in questo modo alle fratture del 5 metacarpo. Ossia le fratture del metacarpo del mignolo. Sono quelle più comuni e si stima che 1 frattura metacarpale su 4 colpisca proprio il mignolo. Questo è frequente soprattutto in chi pratica sport da contatto come il pugilato, la MMA o la KickBoxing.

    Come curare frattura metacarpo

    Per curare una frattura del metacarpo bisogna innanzitutto capire cosa l’ha provocata, quanto è danneggiato l’osso e che tipo di frattura hai subito (ad esempio scomposta, composta ecc.). Tra i trattamenti che il medico puà prescriverti abbiamo:

    • immobilizzazione
    • riduzione chiusa
    • chirurgia (fissazioni, artoplastica, innesto osseo)

    Frattura del metacarpo chirurgia

    Alcune fratture al metacarpo richiedono necessariamente un intervento chirurgico. A seconda della tipologia di frattura che hai subito e di quanto è grave il danno osseo, ci sono alcune tecniche che il tuo chirurgo può usare come ad esempio la fissazione, l’artroplastica o l’innesto osseo.

    Il primo intervento è chiamato di Fissazione. La Fissazione consiste in un intervento con il quale il Medico allinea le ossa della tua mano per poi fissarle. In questo modo possono guarire e ricostituirsi più velocemente. Questo intervento prevede l’utilizzo di placche e viti oppure di perni. In seguito alla guarigione sarà necessaria una visita di follow-up per rimuovere le viti.

    Invece, se a seguito della frattura si ha anche una rottura dell’articolazione della mano, si rende necessaria, spesso, l’intervento di Artroplastica. Con questa tecnica si rimuove l’articolazione danneggiata e si sostituisce con un’articolazione “artificiale”. Bisogna però dire che questo intervento è abbastanza raro perché non è comune la rottura dell’articolazione in caso di frattura al metacarpo.

    Infine l’intervento di innesto osseo è un tipo di chirurgia necessaria nelle fratture metacarpali scomposte o in quelle che comunque non riescono a guarire con i trattamenti e gli interventi precedenti.

    In questo caso il Chirurgo, innesterà tessuto osseo supplementare per favorire il processo di guarigione. Dopo l’innesto si procederà comunque alla fissazione per completare la guarigione.

    Il tessuto osseo da innestare può essere preso internamente (da altro tessuto osseo del tuo corpo), da un donatore esterno, oppure può essere un tessuto artificiale.

    Chi cura le Fratture al metacarpo della mano

    Il Medico che si occupa del trattamento delle fratture alle ossa metacarpali è il Medico Chirurgo Ortopedico.

    Questo articolo non vuole sostituire la Visita diretta con lo specialista di riferimento, ma vuole essere solo un supporto informativo. Se hai subito la frattura del metacarpo rivolgiti prontamente al tuo Medico di riferimento per stabilire una diagnosi corretta e iniziare un percorso personalizzato di riabilitazione. Evita sempre la cattiva pratica dell’autodiagnosi e dell’autocura.

    Questa lettura è stata utile? Condividila!

    Staff Simedica.TV

    Articoli
    Staff Simedica.TV

    mielodisplasia
    Mielodisplasia

    La mielodisplasia è un disturbo nella produzione di cellule del sangue, che

    protesi dell'anca
    Protesi dell’Anca

    Una protesi dell’anca permette di ridurre il dolore, risolvere malattie e migliorare

    lampada di wood
    Lampada di Wood

    La lampada di Wood è uno strumento che permette di rivelare problemi

    allergie primaverili
    Allergie Primaverili

    Le allergie primaverili sono dei disturbi medici stagionali che possono creare molti